Finestre e serramenti in PVC, PVC/Alluminio e Legno/Alluminio

Finestre a Roma contro l’inquinamento

Finestre a Roma contro l’inquinamento

Con nuove finestre a Roma si può risolvere il problema dell’inquinamento, oggi sempre più sentito.

Nel mese di dicembre le grandi città italiane hanno sofferto in modo particolare il problema dell’inquinamento atmosferico, esasperato dalla carenza di precipitazioni.

Come sappiamo, il fenomeno è dovuto sia al traffico automobilistico che agli impianti di riscaldamento e richiede una risposta articolata su entrambi i fronti se vogliamo rendere sempre più vivibili le nostre città.

Nuove finestre a Roma ad alto rendimento energetico sono una delle risposte più efficaci per la vita nella nostra capitale, viste le opportunità che queste nuove tencologie ci offrono sul piano della salvaguardia dell’ambiente.

Spesso le finestre sono considerate molto importanti nel migliorare la qualità degli ambienti abitativi, ritenendo che ciò avvenga soprattutto nei climi freddi, dove un maggiore isolamento termico è considerato una miglioria fondamentale.

Al contrario, in zone che non presentano le criticità climatiche di quelle montane, talvolta si è portati a pensare che l’utilizzo di questo tipo di finestre sia meno utile.

E invece, ad un analisi più attenta, è facile concludere che soluzioni che abbattono i consumi energetici sono ancora più importanti in luoghi densamente abitati, dove la grande quantità di fonti di riscaldamento influisce ben più negativamente sulla salute delle persone di quanto non accada in zone meno abitate.

In particolare Roma soffre il problema dell’inquinamento dovuto a un’edilizia che si è sviluppata diversi decenni fa con tecnologie poco efficienti sul piano energetico, sia nella coibentazione, che nella produzione di riscaldamento.

Basti pensare ai 600.000 impianti di riscaldamento autonomo contro i 27.633 centralizzati, una sproporzione a favore di impianti meno efficienti dal punto di vista energetico.

Questo si ripercuote sulla quantità di polveri sottili, PM10 e PM2,5, che vengono generate dalla combustione del gasolio per riscaldamento e che si aggiungono a quelle prodotte dai motori a scoppio delle automobili.

Uno studio condotto in nove paesi europei e pubblicato su Lancet Oncology nel 2013 ha indicato Roma tra le città in Europa con la maggiore concentrazione di polveri sottili, in media 36 microgrammi al metro cubo di PM10 contro i 17 di Copenaghen, ad esempio, con le conseguenti patologie spesso mortali che colpiscono molto frequentemente i polmoni (20% dei decessi per malattie tumorali in Italia).

Recentemente si è anche verificato quanto le polveri sottili siano causa di insufficienze cardiache e che le PM2,5, costituite da particelle molto più piccole rispetto alle PM10, appartengono alle sostanze “respirabili”, per cui in grado di entrare nel sangue e provocare tumori in molti altri tessuti.

Sotto questo aspetto Roma è in grave ritardo nell’adeguare il proprio patrimonio edilizio alle nuove normative e risente di una concentrazione abitativa che provoca condizioni ambientali decisamente difficili.

E’ quindi fondamentale che a Roma si operi con una nuova responsabilità ambientale in tutte le scelte costruttive, iniziando in modo serio a costruire e ristrutturare con le migliori tecnologie disponibili.

Solo adottando nuove tecnologie nelle costruzioni e in particolare nelle finestre a Roma si potrà colmare, in tempi comunque molto lunghi, quel gap ambientale che oggi la pone tristemente in cima alla classifica per scarsa qualità dell’aria tra le grandi aree urbane italiane ed europee.

Finestre a Roma contro l’inquinamento

5.3 Flagshipstore Roma - foto - Esterno Flag Roma

Il flagship store Internorm, in via Achille Vertunni 68, a poca distanza dall’uscita La Rustica del Grande Raccordo Anulare, offre la possibilità di una conoscenza diretta e approfondita dell’intera gamma del più grande produttore europeo di serramenti ad elevata efficienza energetica e quindi di disporre di nuove finestre a Roma, che interpretino al meglio le esigenze specifiche in termini di serramenti di questa grande città.

Nei 600 metri quadri a 5.2 Flagshipstore Roma - foto - Interno Flagshipstore Romadisposizione si possono vedere tutti i modelli Internorm, da quelli più performanti, idonei anche per case passive e utilizzati nei più moderni progetti ad alta sostenibilità ambientale, a modelli con ottime performance di isolamento termoacustico e prezzi molto convenienti, soprattutto se si considera che le prestazioni isolanti consentono di risparmiare energia tutto l’anno, sia d’inverno che d’estate.

Per non parlare poi del comfort che questi nuovi modelli di finestra possono dare alla casa, consentendo una maggiore stabilità della temperatura e dell’umidità negli ambienti, oltre a permettere in alcune versioni il ricambio

KF410 Internorm ventilazione meccanica controllata integratad’aria a finestra chiusa grazie a tecnologie di ventilazione integrata nella finestra come la VMC I-Tec.

In particolare la ventilazione meccanica controllata integrata nella finestra interpreta perfettamente le nuove esigenze nelle finestre a Roma, poiché il ricambio dell’aria a finestra chiusa consente di risparmiare energia e quindi di inquinare meno, di impedire al rumore di entrare in casa o in ufficio e di mantenere l’ambiente interno molto più confortevole contribuendo fortemente alla soluzione dei problemi di inquinamento ambientale.

Con le nuove finestre a Roma si può risolvere il problema dell’inquinamento, per la salute di chi abita in casa e di chi vive la città fuori casa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Puoi utilizzare questi codici HTML e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>