Finestre e serramenti in PVC, PVC/Alluminio e Legno/Alluminio

Finestre Internorm nel Rifugio Carlo Mollino

Finestre Internorm nel Rifugio Carlo Mollino

Finestre Internorm hanno contribuito, con Internorm in qualità di partner tecnico, ad un ambizioso progetto di casa passiva promosso dal Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, e giunto a compimento con l’inaugurazione del Rifugio Carlo Mollino.

Finestre Internorm nel Rifugio Carlo Mollino

Grazie al Comune di Gressoney Saint Jean che ha sostenuto l’iniziativa, l’edificio è stato realizzato sulle piste del Weissmatten.

L’architettura, sviluppata su modello del progetto “Casa Capriata” per la X Triennale di Milano (1954), una delle case ideali di Carlo Mollino rimasta opera incompiuta, è stata realizzata in Valle d’Aosta a distanza di sessant’anni, con l’intento di evidenziare il valore e l’attualità del progetto originario come manifesto sull’innovazione tecnologica e la prefabbricazione edilizia.

Il progetto di ricerca si è concretizzato con la creazione di un edificio sperimentale ripensato in coerenza con i criteri progettuali indicati da Carlo Mollino,grazie ad uno stretto lavoro di collaborazione fra il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino e gli uffici tecnici del Comune di Gressoney Saint Jean e della Comunità montana Walser Alta Valle del Lys .

La realizzazione del Rifugio Carlo Mollino è stata possibile anche grazie all’apporto di molte istituzioni e sponsor tecnici (tra cui Internorm), coordinati dal Politecnico attraverso una modalità di lavoro che ha previsto un coinvolgimento nello sviluppo progettuale dei soggetti partner, con ruoli e competenze diverse, attraverso l’istituzione di un expertise group sulla progettazione di edifici in legno energeticamente efficienti.

 

Le finestre legno alluminio ad alto risparmio energetico

Nello specifico, i prodotti Internorm utilizzati nell’edificio sono stati due: il sistema DOPPIA FINESTRA CON OSCURANTE INTEGRATO in legno-alluminio HV 350 ed il PORTONCINO D’INGRESSO in alluminio AT 400.

hv350-at400-foto-angolare finestre internorm

La scelta di realizzare un edificio a basso consumo energetico, con tecniche innovative a livello impiantistico, in grado di eliminare il fabbisogno di combustibile fossile, è stata perseguita in coerenza con la variante al progetto Casa Capriata elaborata da Carlo Mollino nel 1951 nell’ambito del concorso Vetroflex-Domus.

Dove sorge il Rifugio Carlo Mollino

Il Rifugio Carlo Mollino sorge lungo il Walserweg– il grande sentiero dei Walser – all’arrivo della seggiovia del comprensorio sciistico di Weissmattennel comune di Gressoney Saint Jean (AO), in prossimità del padiglione da tè della Regina Margherita di Savoia, una storica architettura in legno originariamente ubicata presso il Castello Savoia e trasferita in quota negli anni ’50 come capanno di caccia prima e più recentemente come punto di ristoro per gli sciatori.

finestre internorm rifugio-carlo-mollino-vista-alto

Un progetto del Politecnico di Torino

Responsabile scientifico del progetto è l’arch. Guido Callegari del Dipartimento di Architettura e Design (DAD) che ha coordinato lo sviluppo del progetto insieme al gruppo di ricercatori del Politecnico di Torino DAD (Prof. Liliana Bazzanella, Arch. Guido Callegari, Arch. Alessandro Mazzotta, Arch. Mario Sassone, Prof. Elena Tamagno), all’Ufficio tecnico della Comunità montana Walser – alta Valle del Lys (arch. Laura Montani, geom. Alessandro Bringhen) e all’Ufficio tecnico del Comune di Gressoney Saint Jean (arch. Germana Maida).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Puoi utilizzare questi codici HTML e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>